mercoledì 30 novembre 2022

Consigli per ciclisti. Quando il fondello si "scarica".

Per fare test attendibili, ci vogliono tanti chilometri e "sensibilit√† tecnica", oltre all'esperienza. Se non stressi il prodotto, come fai a capire quanto sia affidabile e fatto a regola d'arte ?! Il test non √® un ripetere a parole proprie il comunicato stampa del marchio, con annesso "giro del palazzo" e foto di rito. Il test √® una sfida obiettiva/oggettiva al marketing, senza timore riverenziale. Detto ci√≤ ricordatevi di rinnovare il guardaroba tecnico, altrimenti √® come se pedalaste indossando solo "il costume da mare". Saluti ciclistici. 


lunedì 28 novembre 2022

Essere ciclista.

Essere ciclista √® una stile di vita; si √® ciclisti sempre, anche quando non si pedala. E' un modus vivendi; niente √® gratis. Ad esserlo si inizia da ragazzi, quando quello che impari √® fondamentale. Niente si improvvisa, nemmeno lo sport. Saluti ciclistici. 

La corretta estensione della gamba per evitare tensioni e sovraccarichi sulla schiena.

domenica 13 novembre 2022

Dolori in sella: la soluzione.

Argomento primario, essenziale, sconosciuto o affrontato con superficialit√† da molte persone, ne parlo in questo nuovo video. Se √® vero, come √® vero, che contano le gambe, allora fatele girare nel modo corretto come ho spiegato in questo precedente video ( CLICCA QUI e CLICCA QUI) , ed evitate problemi muscolo scheletrici. E mi raccomando ogni volta che cambierete assetto avanzato o telaio, non partite a tutta, subito, ma date il tempo giusto al vostro corpo di adattarsi alle nuove quote. Saluti ciclistici. 



sabato 12 novembre 2022

Migliorare l'aerodinamica in bicicletta da corsa. Ecco come fare e cosa sapere.

Premessa. Dovete piegare la schiena, tenere le braccia e le gambe strette e i gomiti bassi; non dovete impugnare la curva, sulla parte centrale, non dovete restare dritti come dei cobra ! Punto. Tutto il resto √® secondario e in alcuni casi solo marketing. Questa la definisco, l'aerodinamica del ciclista. L'aerodinamica del ciclista √® un fattore determinante, parte integrante dell'allenamento. Tuttavia pochi ciclisti amatoriali, curano l'aerodinamica e sanno "stare al vento"; √® impegnativo, e la maggior parte di loro, la questione, l'affronta in modo grossolano, "succhiando la ruota" e quando raramente si mettono in testa al gruppo, hanno grosse difficolt√†, riescono a "tirare"pochi secondi e poi scompaiono in fondo al gruppo, spesso saltando i cambi perch√© non ce la fanno o perch√© pensano di essere furbi. Ne ho visti, eccome se ne ho visti !!! Pedalare al vento √® essenziale, insegna a migliorare la posizione e ad allenarsi alla resistenza. Un ciclista che non sappia pedalare contro vento, non √® ciclista. 
Parlando di aerodinamica, occorre fare riferimento a tre aspetti. Il primo aspetto √® quello della corretta posizione in sella. La corretta posizione in sella incide per l'80%. Lo scrivo da tempo, bisogna piegare le braccia, le spalle e la testa, stare "pancia a terra", altrimenti vendete la bici da strada e prendete la MTB, soffrirete di meno. Mi tocca vedere ciclisti dritti in sella come se fossero dei cobra, spesso con molti spessori sotto il manubrio, persone che spesso si convincono che sia il telaio a non essere adatto a loro; invece pu√≤ trattarsi di persone non adatte alla bici da corsa o che abbiano problemi alla schiena o che non sanno flettere la schiena. La schiena dura √® l'antitesi del ciclista, soprattutto dello stradista. Generalmente questi ciclisti hanno problemi di peso, e non fanno esercizi di stretching. Per essere ciclisti non basta solo pedalare, occorre "allenarsi a tavola" , allungare i muscoli regolarmente e correttamente, con esercizi mirati, ma spesso occorre prima risolvere problemi posturali, come ebbi modo di spiegare nella pagina dedicata a questo argomento. Chi non piega la schiena, ( arcuata e non ingobbita) con il tempo, per un motivo o per un altro avr√† problemi posturali e di rendimento, pedaler√† con pi√Ļ sforzo e minore risultato. La bicicletta pu√≤ diventare uno "strumento di tortura" fatto a certe condizioni. Quindi schiena arcuata, braccia e gambe strette, gomiti bassi. No Cobra position.  Il secondo aspetto dell'aerodinamica √® legato alla tecnologia e pi√Ļ precisamente riguarda l'abbigliamento, l'utilizzo di cuscinetti a bassa resistenza al rotolamento, la forma delle ruote e dei tubi del telaio. Ma  questo incide solo per il 20%.  Ovviamente nessuna tecnologia pu√≤ risolvere problemi di posizione del ciclista. Quindi anche se vi comprerete i migliori prodotti, se non curate la posizione in sella, come sopra spiegato, prenderete tutto il vento in faccia, e il ciclista esperto, in sella ad una Graziella anni 70, vi sorpasser√†. Non fatevi prendere in giro dal marketing. Vi dir√† che un telaio aero consente miglioramenti infinitesimali, a patto di pedalare costantemente a 40/50 km/h ! Primo. Nessuno riesce a pedalare a quella velocit√† costantemente. Secondo. Sulle strade reali, il traffico e i semafori, interrompono la velocit√†. Terzo. Occorre avere in sella, sempre una posizione aerodinamica. Punto. Tutto il resto √® marketing. 
Esistono diversi modi molto conosciuti per migliorare l'aerodinamica, oltre a quella fondamentale, cio√® l'assunzione di posizioni in sella specifiche; mi riferisco al casco, ai profili dei cerchi o dei tubi del telaio, e quella meno conosciuta la tipologia costruttiva del capo di abbigliamento, mirata appunto al miglioramento dell'aerodinamica. Nel campo professionistico da tempo vengono utilizzati capi di abbigliamento specifici nella prova contro il tempo, inizialmente, ma da un p√≤ di tempo anche nelle corse in linea, per migliorare la prestazione. Un capo da ciclismo, "liscio e aderente" non √® detto che sia ottimo nella sua caratteristica aerodinamica. Bisogna infatti sottolineare che il corpo del ciclista in avanzamento nell'aria, avendo la dimensione perpendicolare al moto, preponderante rispetto alle altre, ricade nello studio della fluido dinamica dei "corpi tozzi" che hanno comportamenti "aerodinamici" molto differenti rispetto ai profili alari. Un capo d'abbigliamento da ciclista risulta essere ben aerodinamico quando nella sua costruzione viene mirata la riduzione del suo Cx (coefficiente di resistenza aerodinamico), cio√® quando il capo e le sue caratteristiche costruttive garantiscono anche all'aumentare della velocit√† il ritardo del distacco della vena fluida vorticosa dal corpo del ciclista e quindi conseguente minore larghezza di scia.  
Sia chiaro. Quello che conta sono le gambe e il ciclista in posizione aerodinamica; la teoria deve fare i conti con la  dura realt√† della strada, dove troppe variabili, come quelle suindicate, influenzano la resa finale. Una variabile a titolo esemplificativo. Il 90% dei ciclisti/pedalatori impugna la curva solo sulla parte centrale; nessuno di loro, la impugna correttamente, cio√® in presa alta sui comandi, o in presa bassa. Quindi √® inutile parlare concretamente di aerodinamica per quanto riguarda i ciclisti/pedalatori amatoriali.

A chi interessa la teoria. La resistenza aerodinamica √® sempre maggiore rispetto alla resistenza al rotolamentoIn bicicletta, trascurando la forza d'inerzia perch√® presente solo in fase di accelerazione, siamo soggetti principalmente a due forze: la forza aerodinamica e la resistenza al rotolamento. Entrambe sono forze che si oppongono al moto del ciclista e sempre presenti quando la bicicletta √® in movimento. 
La Forza Aerodinamica detta anche Resistenza Aerodinamica, cresce con il Quadrato della Velocità, quindi crescita con andamento Parabolico.
FA= ½ * Cx * SF*V2
- V= Velocità del ciclista
- Cx= Coefficiente di resistenza aerodinamica
- SF= Superficie Frontale a diretto contatto con l'aria

Anche al variare della Velocit√† d'avanzamento, se la confrontiamo con la Resistenza al Rotolamento, notiamo subito che la Resistenza Aerodinamica √® notevolmente pi√Ļ importante rispetto alla Resistenza al Rotolamento, che ha invece andamento Lineare.
RR= CR* P/r
- Cr=Coefficiente resistenza al rotolamento (Funzione della bont√† dei pneumatici, rugosit√† asfalto, pressione gomme, cuscinetti montati). 
- P= Peso del Ciclista. 
- r = Raggio della Ruota. 

Questo fa capire come l'ottimizzazione dell'aerodinamica sia fondamentale nel ciclismo allo scopo di ottenere velocit√† nettamente superiori e risparmiare potenza. 

Guardando le formule e dai grafici di confronto dei due andamenti delle resistenze, possiamo dedurre che:
- a Base Velocità predomina la Resistenza al Rotolamento (da contrastare tramite l'utilizzo dei Cuscinetti Ceramici);
- a Medio e Alte Velocit√† quindi in Discesa, in Pianura, Falsopiani veloci o in Sprint la Resistenza Aerodinamica √® nettamente superiore quindi da contrastare tramite miglioramenti mirati all'aerodinamica. 

Resistenza aerodinamica contro la Resistenza al rotolamento

Fatti non foste per essere pedalatori, ma ciclisti. Quindi in sella, siate silenti e filanti come il vento. Saluti ciclistici.