martedì 27 dicembre 2011

Cartoline dalla riviera d'Ulisse


Le ho scattate ieri.....




6 commenti:

  1. Le foto sono splendide così come i posti... davvero magici... c'è un però... però!

    Nelle ore centrali della giornata (escluso alba e tramonto) NON fotografare MAI il sole diretto perchè potrebbe provocare danni al sensore. Esso, infatti, per farla breve e semplice è una superfice fotosensibile che si polarizza al momento dello scatto (i dati vengono processati e salvati) e il sensore si depolarizza (torna vergine) per la foto successiva.
    La luce fortissima e diretta del sole, amplificata dal gruppo ottico della fotocamera, può provocare danni alla superfice del sensore che può, nel tempo, perdere nitidezza e bilanciamento nell'area "colpita".
    Se fosse stata un reflex, per giunta, provocavi danni (anche purtroppo irreversibili) agli occhi in quanto la luce del sole, amplificata dalle lenti e riflessa dagli specchi della reflex, arriva dritta sull'occhio.

    Se nelle due foto segui con l'occhio la linea dell'orizzonte, noterai che esso diventa concavo nel punto di massima sovra-esposizione (bruciato) dove c'è il riflesso del sole sul mare per diventare, poi, semi-convesso nei due punti periferici del riflesso stesso. Punti di ridistribuzione della luce verso intensità normali.
    Questo è un effetto dato dall'intensità e dalla distorsione della forte luce ll'interno del gruppo ottico. Sarebbe molto più complesso come fenomeno ma è difficile da spiegare senza fare uno schema grafico.

    Deformazione professionale a parte, son belle!!!

    RispondiElimina
  2. cavolo che spiegazione tecnica eccezionale.....ognuno ha il suo mestiere....grazie del consiglio....ma ti prego di dirmi come devo fare per sapere se ho rovinato la mia macchinetta compact con lenti carl zeiss a cui tengo molto.......sigh sigh........

    RispondiElimina
  3. grazie per la spiegazione, davvero utilissima!
    ps. si vede l'isola di zannone che copre ponza vicino al riflesso del mare a sinistra : )
    ciao!
    gennaro

    RispondiElimina
  4. Gennaro, ottimo colpo d'occhio

    RispondiElimina
  5. Claudio vai tranquillo, le lenti non le hai rovinate, la lente in se è un elemento ottico che viene attraversato dal fascio di luce che, pur se intenso, non la danneggia. Anche qui, ci sarebbe tutto un discorso sulla riflessino, rifrazione, diffrazione e rapporto trasparenza/opacità ma lasciamo stare sennò finiamo domani.

    Il sensore, invece, in RARI CASI può rovinarsi. A dire il vero i sensori di una volta li avresti "bruciati" di sicuro ma quelli di oggi ti ci devi mettere d'impegno e con una reflex con focali moltplicate.

    Comunque, l'eventuale (NON C'E') danno al sensore sarebbe nel punto dove c'è il sole e quindi nelle altre foto vedresti un alone (aura) con una macchia più marcata al centro.
    In una giornata col cielo COMPLETAMENTE limpido, nelle ore centrali, fai una foto al SOLO CIELO azzurro senza includere altro, dovresti farla in manuale sui 2 punti di fuoco estremi (front/back). Poi fai la stessa cosa su un foglio di carta totalmente bianco e illuminato in modo omogeneo, senza aloni, ombre e senza flash.
    Enytrambe le foto alla massima risoluzione.
    Se non ci sono macchie nelle immagini ricavate è tutto ok, potresti vedere delle macchioline (specie sul cielo) ma quelli sarebbero micro-corpuscoli di polvere sul sensore.
    In entrambe le foto, ovviamente, lente pulita in modo maniacale al 200%!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Meglio di un enciclopedia.....tanto di cappello, fotografo.
    Grazie mille.

    RispondiElimina