martedì 24 aprile 2018

Anteprima: Bontrager Aeolus XXX 4 Tubular Road, nuovo modello 2018.

Un altra anteprima interessante, quella della nuova ruota per tubolare, con cerchio e mozzo in carbonio OCLV XXX, la Bontrager Aeolus XXX. 
Ruote esteticamente appaganti, di particolare bellezza,  profilo alto 47 mm, sezione del cerchio larga 28 mm, mozzi con meccanica DT SWISS, nipples esterni, mozzo posteriore dotato di cricchetto con 36 denti, raggi piatti radiali sull'anteriore e raggi piatti incrociati sul lato cassetta della posteriore. La caratteristica più importante è la nuova pista frenante specifica, realizzata con la tecnologia laser (Laser Control Track). La Bontrager Aeolus si è finalmente dotata di una pista frenante specifica, e a questo punto posso dire veramente che si tratta di un nuovo cerchio. In effetti la versione precedente perdeva in fase di frenata, e nel mio test, ebbi modo di puntualizzarlo. Ovviamente trattandosi di ruota di scuola statunitense ( ad innagurarla fu la Head)  è dotata di una sezione ultra larga da 28 mm, che come ho avuto di spiegare, garantisce una particolare stabilità, è un ottimo confort, ma un limite nella reattività e nel peso. A proposito di peso; quello reale è di 1295 grammi, peso adeguato al profilo alto e alla sezione molto larga. La ruota promette una prestazione elevata in pianura considerato il particolare lavoro nella galleria del vento fatto sulla struttura e la forma del cerchio, indicato come particolarmente efficace contro ogni direzione del vento, in modo da consentire sempre e comunque il massimo della stabilità, questione fondamentale, quando si parla di ruote ad alto profilo, belle si, ma generalmente troppo sensibili al vento, in particolare quello laterale.  Il vento è avvisato; è arrivata la nuova Bontrager Aeolus. Da testare per verificare. In collaborazione con il rivenditore Falasca Cicli e All Bike Store. Saluti ciclistici. 






2 commenti:

  1. Ciao Omar. Lo farò appena sarà possibile. La Bontrager/Trek sembra che non abbia ruote test disponibili ! Per essere americani, mi aspettavo più investimento per la promozione del prodotto. Saluti ciclistici.

    RispondiElimina