mercoledì 21 maggio 2014

Bianchi modello 1925 e l'evoluzione della bicicletta.

E' un esemplare unico, esposto presso il museo del Risorgimento e della Resistenza di Vicenza. Era in dotazione ad un ufficiale del battaglione bersaglieri ciclisti. Ai più esperti non sfuggirà il particolare che per cambiare il pignone posteriore ovvero per cambiare velocità ( rapporto), ogni volta, occorreva smontare  la ruota posteriore ! 














Negli anni '30, in una corsa, svoltasi sotto la tempesta, sul passo di Croce d'Aune,  un ciclista dal nome Tullio Campagnolo, in fuga solitaria, forò il tubolare, incollato sulla ruota posteriore; a causa della forature, egli fu costretto a perdere molto tempo per poterlo sostituire; gli sfuggì la vittoria. Allora accadde che.........






Egli fu uno degli ultimi geni dell'Italia. Con le sue invenzioni la bicicletta si evolse fino a diventare la bicicletta moderna. 

Nessun commento:

Posta un commento