mercoledì 20 settembre 2017

Cosmo bike Show. La dura vita della ruota di un corridore professionista.

Durante la mia visita al CosmobikeShow 2017 ho incontrato le ruote Shimano Dura Ace C50 usate con la Bianchi Oltre XR4 taglia 47 dal corridore della Lotto Jumbo NL, Dylan Groenewegen. Che dire ! Povere ruote. Oltre alle sassate, hanno dovuto sopportare le dure frenate con tacchetti sporchi, l'usura, la pressione della lancia termica, e soprattutto quell'orribile mastice, altrimenti detto carogna e la raspa del meccanico usata per rimuoverlo parzialmente, la carogna non viene mai tutta via, salvo uso di particolari prodotti, che però richiedono tempo e di tempo i meccanici ne hanno poco dovendo installare anche 16-18 tubolari dopo ogni tappa. I team usano biciclette sofisticate, satelliti e computer di bordo, ed ancora il vetusto e sconveniente mastice, da ciclismo eroico. Notate il mastice seccato e fuoriuscito dalla gola del cerchio, oltre il tubolare. Non solo è antiestetico, ma è anche non funzionale, anzi pericoloso. Il mastice se non viene completamente rimosso, si somma, a quello già applicato e non rimosso, con l'effetto di impedire che la pancia del tubolare entri correttamente, completamente ed uniformemente nella gola del cerchio, con l'effetto di produrre una "gobba" sul battistrada. Il pericolo è l'eventuale scollamento del tubolare in curva e la non perfetta aderenza del battistrada sull'asfalto. Confrontatelo con il tubolare montato da me con il biadesivo. E adesso avete un altra prova definitiva che il mastice è stato seppellito dal biadesivo. E' appena il caso di precisare che in questo post non c'entra nulla la polemica, biadesivo o mastice, e/o tubolare o copertoncino ; ognuno sceglie quello che vuole. Lo preciso per gli esperti stile Bar e i i troll con disturbi compulsivi. Saluti ciclistici. 











8 commenti:

  1. Povere ruote. Una curiosità: Dylan è alto quasi 180 cm, corre con una bici tg. 47? Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo. Direi che delle due l'una: o c'è l'adesivo con il nome errato; oppure Dylan usa telai molto piccoli per avere la migliore rigidità e maneggevolezza. E' noto che i prof spesso usano taglie più piccole per i motivi che ho spiegato. Altro non so dire. Non conosco il corridore in questione. Certo è che se fosse stata davvero la sua Oltre avrei voluto vederlo in sella !! Saluti ciclistici.

      Elimina
  2. Sono stato anche io a vederla. La bici di Dylan è una 53 di telaio. Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo. Non era una 53, quella esposta. Saluti ciclistici.

      Elimina
    2. Aggiungo che è piuttosto anomalo che la bicicletta sia stata esposta completa del computerino SFR; i corridori non lo lasciano mai installato, è segreto, contiene i dati di tutte le sessioni di allenamento e delle gare. Peraltro la stagione non è finita e i corridori hanno a disposizione solo una Oltre a testa. Insomma c'è da riflettere. Saluti ciclistici.

      Elimina
  3. Ho usato anche io il biadesivo Tufo per montare le vittoria corsa graphene sui miei tubolari (degli Equinox cyclon X 45), dopo aver rimosso vecchio mastice con acquaragia (un lavoro non particolarmente impegnativo, che però ha reso le ruote di fatto intonse). L'uso del biadesivo è molto pratico anche per il fai da te casalingo peraltro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo. Ottimo commento. Saluti ciclistici

      Elimina
  4. Ciao Claudio ho avuto la conferma di quello che hai scritto due sett fa un meccanico propietario di negozio stava mettendo un tubolare ad una ruota cosmic carbon 40 di un professionista Appena rientrato dalla vuelta (ciclista bergamasco) io gli ho chiesto ma nn usano biadesivo??risposta del meccanico
    Assolutamente no nn lo vogliono nn si fidano (notare che sono stati usati quasi due boccette di mastice) per curiosita' i tubolari erano continental competition pro.saluti a tutti

    RispondiElimina