domenica 22 ottobre 2017

Telaio oppure componenti top di gamma ?

Premessa. miei lettori stanno sempre davanti al "gregge" ovvero davanti a chi segue il mercato a prescindere e si atteggia a ciclista di tendenza e non di sostanza.
Discussione. E' meglio un telaio oppure componenti top di gamma ? E' meglio un telaio top di gamma assemblato con componenti di bassa/media gamma oppure un telaio di media gamma con componenti di alta gamma ? E' meglio un telaio fuori produzione magari ex top di gamma montato con componenti di alta gamma o un telaio di alta gamma montato con componenti di media gamma ?  La prestazione è influenzata maggiormente da un telaio o dalle ruote ? Considerato quello che vedo sulla strada e su internet, la risposta non è scontata anzi. Perché ? Alla base di ogni scelta non c'è solo una questione di budget,  ma anche di conoscenza e/o di scelta fuori dal gregge 🐏. C'è una base di cultura ciclistica sottesa alle questioni; una cultura non da forum. Superfluo osservare che un telaio top di gamma con componenti top di gamma è fuori questione, è la prima scelta da fare, se possibile. Ma non tutti possono permettersi di farlo. E allora, come regolarsi ?
Ecco l'esempio migliore del mio pensiero sull'argomento. 

Ora vi dico la mia. E' più performante il telaio ex ( fuori produzione da qualche anno) top di gamma montato con componentistica top di gamma o in alternativa un telaio assemblato con componentistica 🔝🔝🔝.  E' assolutamente privo di senso ed inutile avere un telaio top di gamma con ruote e componenti di media-bassa gamma, come mi capita, sovente, di vedere sulle strade dove mi alleno e nei cataloghi dei produttori stranieri, dove si tiene basso il prezzo finale usando componenti di seconda fascia. Certo i gruppi funzionano tutti bene o quasi, ma diciamo che influenzano la prestazione con la rigidità della guarnitura e il peso complessivo che aggiungono alla bicicletta. Per esempio  cosa ve ne fate di una Trek Emonda SLR montata Ultegra, che cambia bene, ma pesa un accidente e  ruote per copertoncino in alluminio !! La prestazione è limitata. A quel punto, è più performante la Trek Emonda ALR ( la versione in alluminio, molto interessante per il rapporto qualità prezzo) montata con componenti top di gamma, come quelli usati nella foto. Se avete un budget limitato, risparmiate sul costo del telaio top di gamma e prendete ruote di alto livello per mordere la strada e spianare le salite, gambe e cuore permettendo. Il telaio ? E' sufficiente un telaio ex top di gamma, cioè che non è più prodotto, oppure uno in alluminio, come il Cannondale Caad 12 o la Trek Emonda ALR, oppure un telaio di media gamma, di ultima generazione, ma solo dei marchi più avanzati; li potete prendere con "quattro soldi" e poi scegliere i migliori componenti ad incominciare dalle ruote, il quale è il componente più importante,  anche più del telaio, capace di cambiare la prestazione di una bicicletta. Provate a pedalare con una Lightweight su un telaio top di gamma e poi fatelo con una ruota di media gamma, vi sembrerà di avere usato due telai diversi; oppure usando prima una ruota in alluminio top di gamma (per esempio la Fulcrum Zero Competizione) e una ruota in alluminio entry level. E se non vi piace la colorazione del telaio di media gamma o dell'ex top di gamma, usati, dato che la garanzia è scaduta, fatelo riverniciare da un bravo artigiano. Non vi servirà altro per andare forte e l'unico vero ed effettivo limite sarete voi. Per me contano le gambe, la testa, il cuore e .....le ruote. Ovviamente la bicicletta da corsa performante non la fa il cambio elettronico (utile, "figo", ma non indispensabile), ma la ruota di fascia alta. Saluti ciclistici. 

Nessun commento:

Posta un commento