sabato 30 luglio 2016

Olimpiadi di Rio 2016: le ruote Lightweight sulle biciclette della nazionale italiana di ciclismo.😉😁🚴🏻💨

Superfluo osservare che sulle biciclette degli azzurri, fotografati nel ritiro di Fiuggi, prima della partenza per Rio, si vedono le ruote Lightweight. E' un particolare sfuggito ai mass media del settore, ma non al blog più letto dai ciclisti. Dal punto di vista della scelta dei materiali, la nazionale è partita con il piede giusto, anzi con la ruota giusta. Chi più di me può dirlo ! Vi rimando ai miei test. Forse i corridori avranno provveduto a pagarsele di tasca propria, come è avvenuto in passato con altri big. Ora rimane da vedere se le useranno anche in gara.  Se fossi nel CT non consiglierei agli azzurri di usare ruote a profilo alto  sul circuito di Rio 2016; ci vuole una ruota a profilo basso come la Lightweight Gipfelsturm.
Aggiornamento post.
Purtroppo è' andata male per Nibali e  gli azzurri. Ero stato lungimirante: Nibali è' caduto in discesa. Ecco come Nibali ha spiegato la caduta:  "Sono entrato in curva con una bella traiettoria, ma mi è scivolata la ruota anteriore; per recuperare la bici l’ho raddrizzata, però quando ti rialzi ti allarghi e così facendo sono finito nella canalina di raccolta acqua che c’è a bordo strada: con il pedale destro ho toccato il muretto e questo mi ha catapultato in avanti."
Ripeto ancora; non usate le ruote a profilo alto in montagna e nei circuiti con dislivelli  importanti. Saluti ciclistici. 

mercoledì 20 luglio 2016

SIDI Shot 2017 (anteprima assoluta).

E' una nuova anteprima assoluta del blog più letto dai ciclisti. La nuova scarpa SIDI, la Shot. E' stata usata da Froome al Tour 2016. La tomaia è microfibra. Le prime consegne sono previste per fine settembre 2016. Vi rimando al prossimo test su strada. In collaborazione con il rivenditore Falasca Cicli. ( continua). Saluti ciclistici. 


         
   
                         
                         
                                           
AGGIORNAMENTO. Per leggere il test su strada CLICCA QUI . Saluti ciclistici. 

Test bike: Lightweight Meilenstein Obermayer Schwarz. 

Continuo i test sulle ruote più ambite dai ciclisti, quelle che, come ho appurato, creano dipendenza #addict. Dopo le Lightweight Meilenstein CLICCA QUI, Gipfelsturm CLICCA QUI anche nella versione Schwarz CLICCA QUI( per il test comparativo Meilenstein/Gipfelsturm CLICCA QUI), è' la volta delle Meilenstein Obermayer nella versione Schwarz. Intanto iniziamo subito a verificare il peso reale CLICCA QUI. Il test è realizzato in collaborazione con il distributore Bike Passion GmbH.
Test su strada.
Occorre fare una premessa. Esistono tre tipologie di ciclisti: lo scalatore ( di piccola statura, di peso leggero; in salita usa pedalare, costantemente in fuori sella, e riparte di scatto, abbassando di uno o due rapporti la catena, in modo incessante, la chiamo la danza che stronca gli avversari non scalatori; è abituato a mulinare rapporti agili sulle salite dure, i cui tornanti supera internamente, quindi sul punto più alto), il passista scalatore ( in salita usa pedalare in sella, e qualche volta, rilancia sui pedali, nei tornanti più duri, e sale con passo regolare e potente, spingendo anche rapporti lunghi) e il passista ( in salita pedala solo in sella e con passo costante e di potenza con rapporti solo lunghi). Ogni ciclista, sceglie la ruota in base alle proprie caratteristiche; quindi lo scalatore usa la ruota con profilo basso o medio; il passista scalatore  e il passista, invece prediligono, la ruota con profilo alto. Non è un caso. Infatti la ruota a profilo basso e medio, è più scattante (reattiva), più agile, ottima in salita, ma meno performanti in pianura, rispetto a quelle a profilo alto; le ruote a profilo alto sono più adatte a chi pedala di potenza, seduto e con passo costante. Approcciarsi al test Obermayer, dopo quelli fatti sugli altri modelli  della gamma strada Lightweight è il percorso logico e pratico corretto;  diversamente non si potrà valutare il modello dal nome storico (Obermayer era  nome del padre fondatore del marchio Lightweight, ceduto ad un distributore statunitense); ognuno di essi, ha un carattere distinto e alte prestazioni. Le ruote Lightweight sono componenti di nicchia, assolutamente superiori ad ogni altra ruota con raggi in acciaio e cerchio in carbonio. A parità di qualità del telaio, la ruota Lightweight rappresenta il valore aggiunto, quello che fa la differenza nella prestazione e nella bellezza della macchina; e questo lo scrivo senza se e senza ma, dopo avere testato le ruote top di gamma in carbonio più blasonate. A coloro che mi chiedono perché scegliere una Lightweight, rispondo, per risparmiare ed avere la migliore prestazione, per rendere la bicicletta esclusiva! Inoltre si risparmia. Infatti acquistando una Lightweight si risparmia il prezzo pagato per passare da un modello all'altro prima di trovare la prestazione assoluta che conquista tutti, quella appunto della Lightweight. Fate la somma e capirete il risparmio; la matematica non è un opinione.
Con la Obermayer Schwarz ( versione dotata di mozzi DT SWISS 190 con cuscinetti in ceramica della Ceramic Speed), la Lightweight ha voluto creare un prodotto di rottura con il concetto classico della ruota a profilo alto: produrre una ruota rigida e molto leggera ! Parametri assolutamente inconciliabili per le ruote ad alto profilo concorrenti.
La composizione del cerchio delle Obermayer nasce dalla combinazione segreta di materiali compositi per raggiungere il rapporto peso/rigidità più estremo. Credo che la mission della Lightweight  nasca da una sfida: rendere la ruota leggerissima anche rigida. E a questo punto entra in gioco, il valore aggiunto della ruota Lightweight, fatto da processi di compattazione, segreti, materiali in composito costosi e soprattutto la straordinaria ed esclusiva soluzione della costruzione in monoscocca, cioè cerchio, raggio e mozzo, un unicum, una cosa sola, tutto in carbonio ! La Lightweight è riuscita a vincere questa sfida con le Gipfeslturm; resta ora da capire quanto si è spinta oltre con le Obermayer.
Ebbene se la Meilenstein è la ruota con il carattere più deciso, prevalentemente rigida, la meno confortevole e leggera, rispetto alle altre due ruote da strada, la Gipfelsturm, è la ruota più equilibrata, quella del contrasto per eccellenza, in quanto, leggerissima, confortevole e rigida, mentre la Obermayer è la ruota che porta all'estremo la leggerezza e la rigidità. Se con le Meilenstein e le Obermayer rimane il limite tipico della ruota ad alto profilo, la resistenza all'aria, maggiore l'altezza del cerchio, maggiore è l'impatto con l'aria, quindi più attrito, più resistenza, nel caso della Obermayer, non c'è l'altro limite caratteristico delle ruote a profilo alto, cioè il maggiore peso posto alle estremità della struttura, influente nella prestazione. Detto ciò, la Obermayer è la migliore ruota a profilo alto, per i passisti e per i passisti scalatori. 
Sulla strada le Obermayer evidenziano una rigidità torsionale miscelata ad una leggerezza estrema, in modo che nessuno dei due parametri è prevalente. Rispetto alle altre due ruote del catalogo Lightweight, le Obermayer sono più confortevoli delle Meilenstein, ma meno delle Gipfelsturm; più maneggevoli delle Meilenstein, e quasi uguali alle Gipfelsturm, e questo è un altro  risultato straordinario, considerato che trattasi di un profilo alto; nettamente più reattive delle Meilenstein, ma meno reattive delle Gipfelsturm ( differenza valutabile  in un rapporto di 10 a 8 a favore delle Gipfelsturm), risultato comunque eccellente, tenendo conto, come ho spiegato, che il profilo alto, genera più attrito e quindi incontra più resistenza all'aria, sia in fase di spinta (reattività), sia in fase di agilità (maneggevolezza). Rispetto alle Meilenstein e alle Gipfelsturm, la Obermayer è la più sensibile al vento laterale, in quanto, al profilo alto, ( uguale a quello delle Meilenestein), si aggiunge l'estrema leggerezza: con un peso complessivo leggero bicicletta/ciclista, i camion lanciati su strada, "schiaffeggiano" con la scia. Nello specifico dei terreni, in salita, le Obermayer comparate alle Gipfelsturm, la ruota da montagna della gamma, è meno reattiva, negli inserimenti sui tornanti più ripidi, ma recuperano velocità sul lungo, sfruttando il profilo più alto e leggero; per questo si adattano meglio alle caratteristiche dei passisti scalatori, che pedalano più in sella, anche in salita, e non necessitano di una ruota che assecondi lo scatto continuo, come usano fare gli scalatori. In pianura, le Obermayer sono reattive come le Gipfelsturm, ma hanno un effetto volano maggiore, seppure leggermente inferiore alle Meilenstein, di per sé la ruota perfetta per il passista. Evidentemente il peso leggerissimo delle Obermayer è penalizzante sotto questo punto. Sui percorsi vallonati, la Obermayer è la migliore sintesi, tra il rilancio-scatto agile della Gipfelsturm e quello duro delle Meilenstein. In discesa, le Obermayer Schwarz sono maneggevoli, precise, e veloci negli inserimenti in curva. La frenata è morbida ed uniforme; durante il test, ho avvertito lo stridore dei tacchetti del freno anteriore, in sede di discesa prima dell'inserimento nel tornate. Gli stessi tacchetti Lightweight sono stati usati anche con le Gipfelsturm ma senza avvertire il fastidioso fischio.  Nessun problema di tenuta, in discesa, con un ciclista di 61 kg, come il sottoscritto ed una bicicletta dal peso di 5 chili e 590 grammi. Usando le Obermayer Schwarz non ho abbassato il tempo di percorrenza sulla stessa salita, rispetto alle Gipfelsturm e Meilenstein. Nei rilanci continui sui pedali ho sentito più resistenza rispetto alle Gipfelsturm. Evidentemente  ci vogliono sempre più watt rispetto ad una ruota a profilo basso/medio (leggere), per spingerla.  Probabilmente  un  passista e un  passista scalatore, con una ruota leggerissima e a profilo alto, come la Obermayer, procedendo di passo regolare, possono migliorare i loro tempi in salita.
In buona sostanza, la Obermayer, è una Meilenstein più leggera, quindi, più adatta alla salita.
L' Obermayer è la soluzione migliore per i passisti o per chi vuole pedalare in salita, senza dovere rinunciare al profilo alto.












E' opportuno precisare l'eccellente performance dei mozzi con ceramica Ceramic Speed: in discesa sono straordinariamente veloci e in pianura la ruota ha meno attrito. Provare per credere. E' facilmente avvertibile la diversa scorrevolezza, tra le due versioni dei modelli della gamma Lightweight, gli uni con mozzi muniti di sfere in acciaio, e gli altri con mozzi dotati di sfere in ceramica della Ceramic Speed. Le Obermayer Schwarz test sono state assemblate con tubolari Continental Competition da 25 mm, che le ha senz'altro penalizzate nella scorrevolezza, ma migliorato nel confort. La Obermayer ha un limite di peso: 100 kg ( riferito al peso complessivo bicicletta/ciclista). Ricordo che ogni ruota Lightweight è dotata di un microchip inserito all'interno della struttura in modo da essere riconosciuta in caso di furto e per memorizzare dati relativi alla vita della ruota ( interventi di riparazione).
Per la manutenzione ordinaria del mozzo posteriore DT SWISS 190 S e 240, installati sui modelli strada della LW, consiglio di lubrificare periodicamente il corpetto della ruota posteriore. Sul punto rimando anche alle indicazioni specifiche riportate sul manuale di istruzioni e al video.


Pagella:
Rigidità laterale: 8 ( con una ruota così leggera non si poteva fare di meglio)
Trasmissione della potenza: 9
Frenata: 9
Stabilità: 9
Peso: 10
Reattività: 8
Maneggevolezza (Agilità): 9
Confort: 8,5
Scorrevolezza mozzi: 10
Bellezza: 10

Saluti ciclistici.






Peso complessivo della bike  test



Ecco un altro link relativo a tutte le pese della Obermayer ultima generazione verificate sulla bilancia e con una foto molto interessante della sezione interna del cerchio Obermayer della precedente versione  CLICCA QUI . Saluti ciclistici. 

lunedì 18 luglio 2016

Test Bike: Equinox Thyphoon 55 X. 



Note sul produttore
Equinox è partner di Gigantex. Ai più, Gigantex sarà un nome sconosciuto. In realtà è uno dei più grandi produttori di prodotti in carbonio, al mondo e lavora per conto terzi, in Oriente. Il connubio Equinox e Gigantex possiede più di 70 brevetti mondiali. Tutto ciò significa, in termini commerciali, un prezzo più competitivo ed un prodotto ad alto livello qualitativo.
Caratteristiche del prodotto 
La caratteristica più interessante, e senza dubbio, unica, è quella che ogni parte della Equinox Typhoon X, può essere sostituta, compresi i raggi in carbonio, i quali possono essere anche registrati alla stregua dei raggi in alluminio ! Un indubbio vantaggio che assicura la riparazione in tempi brevi, persino  da parte dello stesso negoziante (se meccanico). Dunque, ogni componente della singola ruota, Equinox Typhoon -X può essere sostituito e revisionato separatamente. A ciò va aggiunto, un prezzo assolutamente concorrenziale, nonostante le caratteristiche della ruota in esame. Il cerchio, alto 55 mm e largo 25 mm, si presenta con una finitura in carbonio unidirezionale, mentre nella parte contigua ai raggi e nella gola del cerchio, la trama è in carbonio 6K. Tale conformazione non è meramente estetica; infatti il carbonio unidirezionale è particolarmente rigido, mentre quello caratterizzato dalla trama 6K è resistente. Dunque trattasi di un cerchio composto da diverse tipologie di carbonio, come accade anche con i telai, composti da più tipologie di carbonio, a seconda della zona e delle caratteristiche richieste. I raggi in carbonio della ruota posteriore hanno uno spessore medio e una forma differenziata, più larga nella parte prossima ai nipples: nella ruota posteriore, i raggi lato cassetta (pacco pignoni) sono piatti e più larghi. In entrambe le ruote, i raggi in carbonio, con nipples in carbonio interni al cerchio ( non bisogna farsi confondere dal nipple esterno, in realtà è un supporto di gomma per fini estetici), si  diramano da una struttura in carbonio, a forma di stella, (più larga sul lato cassetta), inserita nei mozzi in alluminio. La larghezza del cerchio, di 25 mm, caratterizzano la forma aerodinamica del cerchio, secondo la nuova concezione delle ruote da strada. La larghezza evidente del cerchio, consiglia l’uso di tubolari da 25 mm, se si vuole proteggere i fianchi, altrimenti vi consiglio un 23 mm se volete avere più scorrevolezza ( non ascoltate chi dice il contrario). I cerchi presentano piste frenanti dedicate, in carbonio, cioè specifiche; è questa la migliore scelta per garantire, sia la frenata ottimale sui cerchi in carbonio, sia la migliore resistenza al calore generato dai freni. Ecco il peso reale: CLICCA QUI . Equinox Typhoon X ha il limite di utilizzo di 100kg, cioè il rapporto peso complessivo ciclista/bicicletta non deve essere superiore a 100 kg. 
Test su strada. 
Le doti: maneggevolezza e lo si avverte nei repentini cambi di direzione, stabilità in ogni condizione, trasferimento della potenza ottimale, praticamente permettono di scaricare sull’asfalto tutto quello che si ha nelle gambe, non si perde nulla dell’energia profusa nella pedalata, reattività, anche quando si parte da bassa velocità o da fermo si scatta facilmente ( è incredibile considerato che trattasi di un profilo alto, normalmente il meno reattivo dei profili), tenuta della ruota con vento frontale. Difetti: peso non leggero, ma qui avviene l'incredibile, e cioè che i cerchio alto non penalizza la prestazione globale della ruota, ed è una cosa unica; in tanti anni di test non mi era mai capitato! Provare per credere. Sembrerebbe che abbia testato una ruota di medio profilo e non una ruota ad alto profilo ! E' verosimile che i raggi in carbonio siano il valore aggiunto della ruota. 
Il vento laterale trattandosi di un cerchio da 55 mm, soffia sul cerchio e lo si avverte, ma la stabilità e il peso, la rendono ferma, e quindi sicura, persino quando i camion provocando una pericolosa scia, schiaffeggiano con la folata di vento.
Sui percorsi vallonati, le Equinox Typhoon - X sono ottime, come nelle volate. In salita, le Equinox Typhoon X,  la notevole rigidità laterale, le rendono performanti ed efficienti, ottimizzando le energie profuse nella pedalata: in pratica tutta la forza che si spinge sui pedali, in salita, e non solo, non si perde. Ovviamente, trattandosi di cerchi ad alto profilo, non adatti alla salita impegnativa, sulle pendenze dure, rilanciare non è facile, come se fosse una ruota a profilo basso o medio, leggera, ma complessivamente è la ruota a profilo alto più performante in salita che abbia mai testato. Certo il telaio Trek Emonda SLR “trascina” le ruote meno leggere, ma avendo testato anche altre ruote a profilo alto con questo telaio, posso affermare che Typhoon X è ottima di suo. Credo che l’estrema rigidità della Typhoon X sia determinante in ogni condizione e in qualche modo compensi il peso non leggero della ruota. I limiti tipici della ruota ad alto profilo, comunque rimangono, considerato che il cerchio a profilo alto, "sposta" più aria, e quindi genera più attrito, oltre al fatto che il peso posto alle estremità, come nel caso del cerchio di una ruota, è influente rispetto per esempio, al peso strutturale di un telaio; limiti, che nei rilanci in salita, sono penalizzanti. Se però non si vuole rinunciare al profilo alto, questa ruota rimane un ottimo compromesso, per i passisti. 
I mozzi hanno una buona scorrevolezza, e la frenata è pronta ed efficace sull’asciutto. 
Le ruote danno il meglio di sé, quando si scarica tutta la potenza sui pedali, in volata, o a mani basse in fuori sella, anche in salita, grazie appunto alla notevole rigidità laterale; in tali condizioni di utilizzo, la ruota la Typhoon -X si esalta. Come è mia prassi, il  pattino sinistro dei tacchetti dei freni sono stati posizionati più vicini ai cerchi, per verificare eventuali anomalie. Ebbene in nessun caso, le ruote hanno mostrato flessioni, come invece mi è capitato di constatare con modelli più blasonati. Nonostante il profilo da 55 mm, la Equinox Typhoon -X ha un ottima maneggevolezza e questo è un dato che mi stupisce, considerata l’imponenza del profilo alto. Le ruote testate sono state utilizzate con tubolari Veloflex Carbon da 23 mm dalla resa eccellente e dall'ottima scorrevolezza; scelta fatta per non penalizzare la ruota, peraltro non leggera. Un unico difetto ho riscontrato durante il test: la tenuta dello sgancio posteriore fornito in dotazione. Ho notato  che lo sgancio rapido posteriore, si allentava. Sul punto apro una parentesi. Il carro posteriore della Emonda SLR, oltre ad essere rigido nella struttura, è anche largo, in quanto destinato alle coperture da 28 mm e alle ruote larghe 25 mm; quindi necessita di un asse dello sgancio più lungo. Stesso problema l’ho riscontrato con quello della Lightweight. Quindi per il test ho usato sganci Zipp in titanio.
A chi raccomando le Equinox Typhoon X: in particolare, ai velocisti, ai triatleti, ai passisti, a coloro che vogliono avere una ruota unica nella sua costruzione, sicura e maneggevole, ed infine a coloro che vogliono una ruota straordinariamente efficiente nella trasmissione della potenza.  

Considerazioni generali.
E’ trascorso molto tempo dalle prime ruote ad alto profilo con il cerchio in carbonio e da allora la tecnologia ne ha migliorato notevolmente le prestazioni. Allo stato dell’arte, le ruote con cerchio in carbonio e i raggi in carbonio, che indico come wheels Total Carbon, sono le ruote più performanti, attualmente disponibili sul mercato, senza se e senza ma; questa tipologia di ruote non hanno limiti nelle prestazioni, ed ora con le Equinox Typhoon - X, sono diventate completamente revisionabili, in caso di rotture o usura. Le ruote che chiamo wheels total carbon sono l'evoluzione della ruota. Credo che nei prossimi anni, ci sarà  uno sviluppo ed una espansione nelle vendite di questo segmento del mercato. Ecco perché tra i test realizzati, ho deciso di pubblicare, quello della Equinox Typhoon X, per confrontarla alle Lightweight ad alto profilo, e verificare, se una ruota "total carbon" è' più  performante delle ruote in carbonio, con raggi in acciaio, anche se non è prodotta dalla Lightweight. I miei lettori sanno che non faccio "sconti" a nessuno, non scrivo per piacere a qualcuno; per me non esistono luoghi comuni (del resto non dovrebbero esistere per nessuno), quello che si prova non è mai quello che si pensa, per cui, lasciate perdere i preconcetti e allargate le menti, che la verità non è mai assoluta. Ciò premesso, posso dire non solo che la Equinox Typhoon X non è inferiore alle Lightweight ad alto profilo, ma è un ottima alternativa, considerato il prezzo inferiore (e non di poco). La Equinox Typhoon X ha prestazioni analoghe alla Lightweight Meilenstein ed è più rigida della Obermayer, anche se rispetto a quest'ultima perde in reattività, in salita. Ora non ci sono più scuse per avere una ruota con raggi in carbonio. E' appena il caso di precisare che la Equinox Typhoon X ha prestazioni superiori a quelle delle ruote top di gamma, con raggi in acciaio e cerchio in carbonio. A questo punto, mi piacerebbe valutare le prestazioni del modello più leggero della gamma, le Cyclon X da 1280 grammi, con il mozzo anche in carbonio. 
Consiglio di guardare il canale video Equinox su You Tube CLICCA QUI 
Il test è'  stato realizzato in collaborazione con Falasca Cicli, rivenditore autorizzato Equinox. 
Saluti ciclistici. 

Pagella
Maneggevolezza (Agilità): 8
Peso: 7 
Rigidità laterale: 10
Trasmissione della potenza: 10
Frenata asciutto: 9
Scorrevolezza: 8,5
Reattività: 8
Confort: 7,5
Stabilità: 10
Cura e qualità di realizzazione: 10




mercoledì 13 luglio 2016

Grammomania: Trek Madone 9 all inclusive.


Trattandosi di telaio aero integrato, che cioè deve essere montato solo con i componenti forniti in dotazione, e quindi non si ha la possibilità di scegliere, tanto vale pesarlo al completo. Peso comprensivo di freni, movimento centrale, serie sterzo, sterzo, forcella, reggisella e sella. In collaborazione con il rivenditore Trek, Falasca Cicli. Saluti ciclistici

E per i più esigenti ecco la foto della versione 9.9 assemblata come nella foto....

taglia 56 ( senza pedali)




mercoledì 6 luglio 2016

Argon 18 E-119 + and Sram Etap


La batteria in gel dello Sram Etap vista da vicino. Le due batterie, quella del cambio e quella del deragliare, sono intercambiabili, in modo che è possibile ritornare a casa, se una delle due è scarica. 








In collaborazione con Falasca Cicli. Saluti ciclistici. 

lunedì 4 luglio 2016

La bici da corsa serve anche per ricordare chi non c'è più.

Ci sono delle foto che arrivano dritte al cuore e parlano all'anima, un istantanea straordinaria sulla vita e sui sentimenti. Questa foto è una di queste: ritrae il corridore professionista UCI Pro Tour, Chad Haga e il fratello, mentre "escono" con la bici da corsa del padre, venuto a mancare a causa del cancro, a rappresentare un ultima emozionante uscita. La bici da corsa è parte di ogni vero ciclista, l'ultima testimonianza lasciata da coloro che non ci sono più. Io sono sicuro che passati ad altra vita, i ciclisti tornano a trovarla nel garage a ricordare le pedalate; per questo faccio un appello: non vendete la bici da corsa dei vostri cari, se voi lo faceste, vi privereste anche della loro presenza. Scrivo questo post in memoria del padre di Chad Haga, di tutti gli altri ciclisti che ora pedalano nel cielo e di Moreno.