martedì 1 luglio 2014

Monte Romano (Sonnino): pedalando sulle "mie" Tre Cime dei Briganti.

Ci sono delle salite dure che non ti aspetti di scoprire, in una zona limitrofa al mare. Monte Romano è la cima più alta, del percorso appenninico, che ho "battezzato" le Tre Cime dei Briganti ( le altre salite sono Cascano, frazione di Sonnino e Monte Sant'Angelo, dove finisce l'appennino, e che sovrasta Terracina; qui il link del percorso Tre Cime dei Briganti dove pedala Lupo Solitario). Ho chiamato questo percorso le Tre Cime dei Briganti perchè in questi luoghi, la cui natura è selvaggia e ricca di storia, hanno vissuto famosi briganti. Il percorso si  trova sui Monti Ausoni, e i rilievi  fanno parte del Gran massiccio carsico dei Volsci; un complesso montuoso preappenninico del Basso Lazio, insieme ai Monti Lepini  e ai Monti Aurunci. La presenza umana risale ad insediamenti italici pre romani. Scarseggiano le fonti d'acqua e ciò ne fa una zona di una bellezza naturale aspra e selvaggia.  
Sulla specialissima, si sale fino a quota 680 metri dal livello del mare; a piedi si può arrivare a quota 863 metri, davanti al cippo di confine n°21 tra il Regno delle Due Sicilie ( invaso dal regno sabaudo,altro che risorgimento ed unità d'Italia !) e il Regno Pontificio ( altra nazione occupata dai reggenti piemontesi a corto di denaro). 
Lunghezza delle salita circa 12 km. Pendenza massima 12%, pendenza media 7% circa. Periodo consigliato: da maggio fino ad ottobre. Tempi di ascesa: agonista meno di un ora; ciclo amatore (con media preparazione) 1 h e 30 minuti/2 ore. Sconsiglio l'ascesa ai ciclisti non allenati.
La salita è impegnativa, sin dall'inizio; ad eccezione di due brevissimi tratti, dove spiana, la pendenza non molla mai. Rapporti consigliati, 27,25, o 23 a seconda della preparazione. La strada è prevalentemente asfaltata, con l'eccezione di alcuni tratti molto brevi, di strada quasi bianca. Munirsi di repellente per insetti. Evitare di salire nelle ore calde. Non ci sono fontanelle. La strada è larga, e permette il passaggio di due auto, ma in alcuni tratti si stringe. Salendo il panorama si fa sempre più suggestivo. Si parte con la strada che sale, da Via Monte Romano, per giungere in località Case Murate; qui la strada asfaltata prosegue sino alla cima più alta del monte, contrassegnata dal cartello stradale: Monte Romano. Si può proseguire, ma lo sconsiglio a chi vuole evitare danni ai tubolari, lungo una piccola strada laterale, svoltando a destra; dopo 50/70 metri, procedendo con cautela in modo da evitare sassi e buche, si arriva fino al cancello di una proprietà privata, dove termina la strada pubblica. La salita di Monte Romano per il rapporto lunghezza/pendenza è la più impegnativa della zona. Per la sua particolare difficoltà è stata usata per una gara amatoriale di crono scalata.
L'ombra del ciclista, non si stacca mai !
la strada che porta verso il cielo...

Cima Monte Romano

Sullo sfondo, Terracina, San Felice Circeo e il mar Tirreno.


                                                                     Slideshow        
                                               

Nessun commento:

Posta un commento